Catalogo prodotti


Presto realtà il “corridoio dell’oro” da Dubai alla Cina | 2018-03-05

Presto realtà il “corridoio dell’oro” da Dubai alla Cina

La China Gold & Silver Exchange Society (CGSE), la borsa dei metalli preziosi di Hong Kong - secondo quanto riporta un articolo a firma di Mark O’Byrne (leggi qui) è in fase di trattative avanzate con Singapore, Myanmar e Dubai per stabilire un corridoio merci basato sull’oro che serva a promuovere prodotti denominati in yuan nell'ambito dell'iniziativa commerciale “China’s Belt and Road”. A confermarlo ufficialmente, dopo settimane di voci ricorrenti, è stato lo stesso presidente di CGSE Haywood Cheung Tak-hay.

Il corridoio del metallo prezioso dal Golfo Persico all’Estremo Oriente potrebbe essere costituito istituendo una rete infrastrutturale integrata utilizzando Hong Kong come base e collegando il magazzino doganale in progetto nell’area di Qianhai con utenti commerciali e commercianti di metalli preziosi nei paesi lungo l’intero percorso della “China’s Belt and Road”.

“I nuovi collegamenti lungo questo corridoio d'oro potrebbero innanzi tutto aumentare la domanda da parte degli utenti e degli investitori in metallo prezioso nei confronti delle cosiddette kilobar (lingotti da 1 kg). - ha affermato Cheung - Di conseguenza, potrebbe aumentare il giro d'affari dei prodotti aurei denominati in yuan anche di due o tre volte".

Anche la Cambogia sarà probabilmente coinvolta nel progetto, in futuro. Il fatturato del mercato dell'oro di Hong Kong nella seconda metà dell'Anno del Gallo, appena concluso, è stato in media tra 150 miliardi (19,2 miliardi di dollari USA) e 180 miliardi di dollari locali al giorno, con una media tra 30 miliardi di yuan (4,7 miliardi di dollari USA) e 40 miliardi di yuan per i prodotti denominati nella divisa della Repubblica Popolare Cinese.

Il deposito doganale nella zona di libero scambio di Qianhai, vicino a Shenzhen, inserito nel progetto sarà in grado di immagazzinare 1.500 tonnellate di metallo prezioso, dovrebbe fornire servizi di custodia e di allocazione fisica ed è probabile che venga costruito e messo in funzione nei prossimi due o tre mesi, dopo aver ricevuto già un’informale approvazione, di recente, dal Dipartimento doganale di Hong Kong.

Joseph Chan Ho-lim, sottosegretario per i Servizi finanziari e il Tesoro, ha affermato che lo sviluppo di una catena industriale basata sul metallo prezioso è fondamentale per potenziare lo status di Hong Kong come centro asiatico e internazionale per le transazioni in oro. "Sebbene la nostra economia sia in una fase di rialzo, dobbiamo consolidare i vantaggi e aprire nuove aree di sviluppo" ha affermato Chan.

CGSE, attualmente, offre metallo prezioso sugli standard attuali della London Bullion Market Association, ossia con valore denominato in dollari USA e peso, in genere, di 400 once. Ma i kilobar denominati in yuan stanno gradualmente facendosi spazio sui mercati di Shanghai, Qianhai e Hong Kong. Per questo, Cheung spera di poter creare uno standard unificato per i kilobar d'oro.

 

Del resto, proprio all'inizio di quest'anno è stato reso noto che il World Gold Council sta studiando la possibilità di creare uno standard globale per i kilobar che possa essere utilizzato come garanzia nei mercati a termine e possa anche incoraggiare la domanda, anche quella transfrontaliera tra Hong Kong e la Cina interna.

 

 



Iscriviti alla Newsletter

d

Quotazione Oro
Bolaffi Gold Fixing

 USD GBP EUR
Oz 1.919,57 1.398,33 1.579,97
Gr 61,72 44,96 50,80
Agg. alle ore 15:00 GMT del 21/01/2021


Quotazione Oro
LBMA Gold Price

 USD GBP EUR
Oz 1.863,66 1.357,61 1.533,96
Gr 59,92 43,65 49,32
Agg. alle ore 15:00 GMT del 21/01/2021



Acquistiamo Oro da investimento